L’amore nun esiste!

L’amore nun esiste!

weg

A: L’amore nun conta

B: Ma che stai a di?

A: A me questi che tanto dicheno che senza amore è tutto in bianco e nero me fanno proprio ride

B: E dìmme, che conta?

A: Conta de fa ‘n lavoro che te piace
De potesse permette quarche sfizio
De potesse svejà la matina e avecce n’armistizio
Che qua è tutta na guera
L’amore è solo n’vizio

B: A me me pari matto!
Te sei mai innamorato?

A: Bho…magari si, pò esse
Ma è n’vizio superato
A me l’amore nun me serve
Er core l”ho svotato

B: È dentro che c’hai messo?

A: Ma nun c’ho messo niente
Nsia mai che poi me tocca
Annammelo a riprenne
N’mezzo alla segatura
de quarche fregatura

B: E nun te manca mai quer tocco, quer calore? Nun senti mai er bisogno d’avecce n’friccicore?

A: E certo che me manca, ma a vorte, mica sempre
Poi basta aspettà n’attimo
Che er core se ne pente

B: E dimme amico mio: che d’è sto pentimento?

A: Me pento d’esse stato vicino a n’sentimento
Me la so vista brutta eh
Poteva cambià tutto
Ma quella m’ha creduto quanno jo detto “È tutto.”
E nun s’è più girata
M’ha dato na sarvata!

B: A me nun me convinci, c’hai l’occhi troppo tristi

A: Ao! Lassame perde
L’amore n’conta niente

B: E si poi quella torna? Se te se vie a riprenne?

A: Nun torna, stanne certo
Jo fatto na ferita co tutto er core aperto
E adesso famme annà
Sinnò divento triste e me devo ricordà
Che l’amore
Nun…Esiste!

Il testo di questo brano, scritto in dialetto romano dalla bravissima Claudia Scarpati, mi fa venire in mente le parole di molti, troppi clienti ai quali nelle veste di investigatore privato ho dovuto consegnare le prove del famigerato tradimento e che feriti nell’orgoglio e nell’anima dall’inganno, e quindi dal gesto consapevole e tal volta inconsapevole sferratogli della persona amata, hanno visto sfiorire l’amore e la fiducia. …non più clienti ma persone alle quali auguro di innamorarsi nuovamente, di una donna, di un uomo, ma soprattutto della loro vita.

Ciao

Investigatore privato, condizioni e limiti

Investigatore privato, condizioni e limiti

investigatore Privato azioneScrivo questo articolo al fine di chiarire definitivamente eventuali dubbi circa il lecito impiego dell’investigatore privato e definire i limiti del suo operato. Essendo nel settore da più di vent’anni, posso affermare con franchezza che circa l’80%,delle richieste che mi sono state rivolte durante la mia carriera professionale rappresentavano a tutti gli effetti di legge, una istigazione a delinquere.

Cosa è necessario fare per svolgere la professione di investigatore privato,? 
Per intraprendere la professione di investigatore privato a Roma e nel resto d’Italia è necessario richiedere le relative autorizzazioni al Prefetto di competenza il quale terminata un istruttoria di circa 160 giorni, concede una licenza ex art. 134 T.U.L.P.S. e 222 D. Leg.vo 271/89 per la difesa penale

Le autorizzazioni per svolgere l’attività di investigatore privato vengono concesse in seguito alla valutazione dei requisiti previsti dal D.M. 269/2010, in sintesi:

  1. Laurea in giurisprudenza, sociologia, criminologia, scienze delle investigazioni;
  2. Aver collaborato presso una agenzia investigativa per almeno 5 anni inquadrato con il contratto collettivo nazionale (lavoratore dipendente subordinato);
  3. Possedere un curriculum vitae che dimostri le competenze tecniche;
  4. Essere in possesso dei requisiti economico/finanziari previsti dal DM 269/2010;
  5. Essere incensurato, cittadino Italiano o comunitario.

Per svolgere la professione di collaboratore, cosa devo fare?
Il DM 269/2010 descrive la figura del collaboratore, denominandolo “operatore investigativo”, il quale viene a sua volta distinto in collaboratore elementare e in collaboratore in possesso della così detta “mini licenza”, ovvero autorizzato da una specifica licenza rilasciata dalla Prefettura.
In entrambi i casi, le due tipologie professionali devono essere regolarizzate all’interno dell’organico lavorativo dell’agenzia investigativa, attraverso il contratto di lavoro nazionale.
Chi esercita abusivamente l’attività di investigatore privato, infrange la legge e può essere perseguito dalla giustizia per esercizio abusivo della professione, violazione della privacy, stalking e un altra decina di reati che non sto qui ad elencare.

Per essere un buon investigatore privato è necessario essere appartenuto alle forze di Pubblica Sicurezza?
Niente affatto, le investigazioni private in Italia non hanno nulla a che vedere con quelle normalmente svolte dalla P.S., Contrariamente a quanto si pensa, credo che gran parte degli ex appartenenti alle forze di P.S. siano poco competenti in materia di investigazioni private in quanto il modo operandi di condurre un indagine privata è molto più complesso, privo di ogni aiuto e supporto da parte dello stato e delle sue banche dati; l’investigatore privato è di fatti un cittadino comune privo di poteri speciali.

Posso far seguire una persona con cui non ho un legame giuridico?
Non può. L’investigatore privato può essere incarico a svolgere investigazioni su conto di soggetti privati in base ad alcuni criteri che sono previsti dalla legge. Può incaricare un investigatore privato esclusivamente una persona avente diritto. Durante il colloquio preliminare, il cliente, deve indicare al proprio investigatore privato i principali elementi di fatto che giustificano le investigazioni, non ché, quale specifico diritto intende esercitare in sede giudiziale.

L’investigatore privato è in possesso di porto d’armi?
Chi svolge la professione di investigatore privato sa benissimo di intraprendere un lavoro molto delicato che prevede dei rischi altissimi e, ai me, imprevedibili. Sembra assurdo ma il DM 269/2010 non prevede il porto d’armi per gli investigatori privati che, come tutti i cittadini italiani, hanno il diritto di farne esplicita richiesta alle Questure di competenza. P.s. il più delle volte gli viene negato.

Vorrei avere un rapporto dettagliato circa gli spostamenti di una persona
Nello svolgere investigazioni private, l’investigatore privato è tenuto a rispettare la legge e a condurre le proprie attività senza creare molestia, attenendosi rigorosamente a quanto emanato dal Garante delle Privacy. A tal fine l’investigatore privato può documentare attraverso foto e video, fatti e circostanze che avvengono esclusivamente in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Non può accedere in aree private ne violare il domicilio di altre persone.
In oltre l’investigatore privato e tenuto a condurre le proprie investigazioni perseguendo esclusivamente lo scopo dell’incarico ricevuto al fine di non turbare la sfera privata delle persone oggetto delle indagini. Eccedere significherebbe, incorrere nel reato di interferenze illecite nella vita privata.

Può procurarmi i tabulati telefonici di una persona?
Assolutamente no!
Non esiste in Italia alcun investigatore autorizzato a compiere reati penalmente perseguibili.
La realtà è ben diversa dai film di spionaggio che girano nei grandi schermi, l’investigatore privato non ha accesso ad alcun terminale speciale capace di procurargli dette informazioni. Questo vale anche per quanto riguarda altre richieste, sempre illegali, come ad esempio l’intestatario di un telefono cellulare, il contenuto delle chta di Whatsapp o di Facebook, l’installazione di microspie e via dicendo…

Un altro investigatore privato mi ha redatto un preventivo molto più basso del suo, come mai?
Che dire? Generalmente rispondo ironicamente con un “buona fortuna”. So per certo di non essere un investigatore privato caro e quando stilo un preventivo cerco di non eccedere con le spese; devo pur sempre considerare l’impegno e la difficoltà che il caso presenta e considerare i costi che determinati imprevisti possono apportare alle indagini.

L’infedeltà coniugale: finalmente si inverte l’onere della prova

L’infedeltà coniugale: finalmente si inverte l’onere della prova

L'infedeltà coniugale: finalmente si inverte l'onere della prova

30 maggio 2016


CONSULENZA SPECIALIZZATA

Il mio lavoro comincia con una consulenza specializzata rivolta al cliente che necessita realmente di un aiuto concreto.

In un colloquio riservato e non impegnativo, avrò modo di esaminare tutti gli aspetti legali e tecnici che il tuo caso presenta, valutando l’eventuale fattibilità e la strategia investigativa migliore per ragiungere lo scopo.

Parlando con me, riceverai validi consigli ed un preventivo dettagliato comprensivo di costi, tempi e modalità di esecuzione.

 

COME RAGGIUNGERMI


Come raggiungermi

infedelta__coniugale

L’infedeltà coniugale, finalmente si inverte l’onere della prova.
E’ quanto stabilito dalla sentenza della Cassazione civile, sez. I, 25 maggio 2016, n. 10823, dove secondo l’id quod plerumque accidit, è causa del venir meno dell’affectio familiae; spetta, quindi, al coniuge autore della violazione dell’obbligo della fedeltà previsto dal contratto matrimoniale, la prova della mancanza di nesso eziologico tra infedeltà e crisi coniugale.
La Suprema Corte, nel consolidare la sentenza della Corte d’Appello di Venezia, ha puntualizzato che l’infedeltà viola uno degli obblighi direttamente imposti dalla legge a carico dei coniugi, così da infervorare alla radice l’affectio familiae in guisa tale da giustificare, secondo una ordinaria relazione causale, la separazione e la fine del matrimonio.
È, dunque, la premessa, secondo l’id quod plerumque accidit, dell’intollerabilità della prosecuzione della convivenza per causa non indipendente dalla volontà dei coniugi.
Tuttavia, non per questo, tale regolarità causale assurge a presunzione assoluta.
Spetta, dunque, all’autore della violazione dell’obbligo di fedeltà la prova della mancanza del nesso eziologico tra infedeltà e crisi coniugale sotto il profilo che la sua condotta si sia inserita in una condizione matrimoniale già compromessa e segnata da un reciproco disinteresse.
Il riparto dell’onere della prova, oltre a manifestarsi rispettoso del canone legale, è altresì connesso al principio empirico di vicinanza della prova.
Considerando che da un po’ di anni l’addebito nella separazione giudiziale era visto da molti avvocati come una lontana mera, questa nuova interpretazione della legge renderà il lavoro dell’investigatore privato ancora più importante e significativo per il buon esito della controversia matrimoniale.

Scrivimi, ti risponderò il più presto possibile!

Ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 recante il Codice in materia di protezione dei dati personali e del regolamento UE 2016/679 del Parlamento Europeo (GDPR) i dati inviati con questo modulo saranno utilizzati solo per rispondere alla email e non saranno archiviati nè diffusi. Spuntando questa casella acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

Clicca qui sotto per dimostrare che sei umano

Contattami direttamente al numero verde 800 903710 oppure al 347 9495598

Seguimi anche su s_i_facebooks_i_youtubes_i_twitter